Il Corteo Storico di Sant’Antonio

L’anno scorso sentii dire che a Bari il giorno precedente alla festa di Sant’Antonio veniva fatto un Corteo Storico, quest’ultimo era giunto alla 16ma Edizione. Curioso andai a vederlo e feci diverse foto e un video.
Quest’anno sono ritornato per vederlo ancora, però al contrario dell’anno precedente l’ho seguito sono in parte e non per tutto il percorso che fa.
Tornato a casa ho montato i vari video e realizzato un filmato che vi lascio qui sotto per rendevi partecipe e farvi assaporare in parte questa festa.
Buona visione a tutti quelli avranno la voglia e il tempo di vederlo. 😉

Mandato a quel paese

Oggi sono stato mandato a quel paese per ben due volte, la prima perché ho suonato il clacson a un’auto che non mi ha dato la precedenza, la seconda da un’altra auto che ha invaso la mia corsia perché doveva sorpassare un camion. Spesso penso che chi rispetta le regole è davvero una minima parte confrontandola a chi non lo fa…
Ammetto che anche a me è capitato non rispettare delle regole, ma dopo ho capito di aver sbagliato, cosa che credo non abbiano capito i personaggi incrociati stamane.

Tutti in coda

Un pò di giorni fa ho sentito in radio la notizia che descriveva un nuovo lavoro,  se siete impossibilitati a fare le code in un luogo pubblico non ci sono problemi, c’è chi la farà al posto vostro.
Si sa la burocrazia fa perdere tanto tempo e per chi non ne ha questo è un problema, adesso invece con questo servizio la cosa è risolta. Ormai in tempi di crisi ogni cosa va bene per sbarcare il lunario, questo è il tipico esempio dell’adattarsi inventadosi lavori così.
Certo se vi trovate imbottigliati nel traffico e di conseguenza siete in coda, quella putroppo ve la dovete fare senza l’aiuto degli altri. 


Foto de: ilgazzettino.it

 

Gratta, vinci e Qrcode

Ogni tanto mi capita di essere contattato per fare delle ricerche di mercato su vari prodotti che devono essere messi in vendita, l’altro giorno l’intervista era sui gratta e vinci. 
In pratica vogliono lanciare sul mercato una nuova concezione di gratta e vinci, infatti oltre ai tradizionali biglietti in cui si gratta troveremo un codice che possiamo scansionare – con il nostro cellulare – con un applicazione chiamata Qrcode. 
Una volta fatta la scansione andremo sul sito del gratta e vinci e apriremo il gioco corrispondente al biglietto acquistato, da qui possiamo giocare a un gioco simile alle solite app solo che in questo caso il gioco è reale in quanto possiamo vincere o perdere dei soldi.  
Conclusioni, credo che ci mancava proprio questa cosa per i giocatori incalliti… questa novità può rendere ancora più frenetica la voglia di gioco e il conseguente sperpero di soldi.  
Lo stato ci dice di giocare con responsabilità, ma ci incita a giocare lo stesso e soprattutto senza limiti

Il falso prete

prete cappelloEra da un po’ che non mi capitava di vederlo, oggi si è materializzato davanti ai miei occhi.
Di chi parlo? Di una persona che sicuramente non
stà bene con la testa, costui si veste da prete e gira per le strade della mia città.
Quando ero un adolescente lo vedevo spesso – tanti ragazzi lo prendeveno in giro – poi è scomparso.
Chissà cosa scatta nella testa di queste persone per farli comportare così, forse questo in particolare voleva farsi prete, ma per qualche motivo non c’è riuscito.
Ora nel periodo di Carnevale, guarda caso è riapparso e questa cosa mi fa sorridere 😀

Un pensiero al centro Italia

Questo periodo è davvero brutto per l’Italia, tra terremoto, neve e incidenti non si sa più cosa fare.
Dicono che ci saranno due forti scosse di terremoto nuovamente nel centro Italia ma non si sa quando e come, giustamente le popolazioni sono esasperate, chi non lo sarebbe?
C’è gente che ha perso tutto, altri invece non stanno messi meglio – vedi gli agricoltori con gli animali senza stalle e riparo – il mio pensiero è per loro e per tutte le famiglie rimaste senza casa…
Speriamo che le cose possano cambiare, c’è un detto che dice che dopo la tempesta arriva l’arcobaleno, me lo auguro davvero.

neve
Foto del Il gazzettino di Belluno

Usa e getta?

rifiuti finestrino
Recentemente mi sono imbattuto su un articolo dell’Ansa che dice che chi getta dalla propria auto qualsiasi tipo di rifiuto in strada rischia una multa fino a 400 euro. Anche il codice della strada lo dice [Articolo 15].
Ora il mio pensiero è, ma per avere una multa ci devono essere i controlli, chi li fa questi controlli??
Purtroppo qui non li vedo, forse in altre città sono più attenti..
Un ultima considerazione, credo che chi butta le cose per strada prima di tutto non ha rispetto per la propria città e sopratutto non sà il significato della parola senso civico..
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: