Ancora Lourdes

The majority of visitors are pilgrims who fill...

Image via Wikipedia

Ritornare a Lourdes è sempre bello, lì si ritrova la pace e la serenità che manca ai nostri giorni.
Quello che mi appresto a fare la prossima settimana non sarà un pellegrinaggio semplice, per tutto ciò che è accaduto in questi giorni (una persona a me vicina ha subito un’operazione importante) ma ci vado con il solito spirito di gioia anche perchè ritornerò in un luogo che porto nel cuore.
Ci vado sempre da volontario con la mia divisa blù e la coroncina di S.Bernadette. Le mie braccia aiuteranno gli altri come hanno sempre fatto e continueranno a fare fino a quando il Signore vorrà.
C’è chi prende le ferie per andare che ne so in vacanza all’estero o in altri luoghi, mentre c’è chi come me preferisce prenderle per ritornare sempre nello stesso luogo, sapendo cosa gli aspetta, anche se ogni pellegrinaggio ha qualcosa di speciale e sopratutto di diverso.
Quindi se non riceverete una risposta ai vostri eventuali commenti sappiate che non ci sarò dal giorno 27/06 al giorno 03/07.
A presto
Emilio
Prost precedenti su Lourdes:
Sotto il cielo di LourdesIn carrozza (2010);
Considerazioni di un pellegrinaggioBinari (2009);
Il cammino del giubileo [La città di S.Pierre]Un mistero lungo 150 anni (2008);
Dal virtuale al realeIn partenza  (2007);
Tenete accese le vostre lampade11 Febbraio a Lourdes e in tutto il mondo (2006)

La pistola è un’omaggio

Una catena di negozi di elettronica dell’Idaho e del Montana e precisamente RadioShack recentemente ha tra le varie offerte promozionali una imperdibile!!
Di che  si tratta??  Chi sottoscrive un abbonamento al canale satellitare Dish Network [che tratta di sport, film e eventi] riceverà in omaggio un buono del valore di 135 dollari.
Ma questo buono ha un vincolo, può essere utilizzato solo per acquistare una bella e fiammante pistola….
Mi domando io: ma questa cosa non è un’incitare alla violenza?
Vabbè abbiamo toccato il fondo, anzi tra un pò raschieremo per andare ancora più in basso…
Nella foto una pistola….si ma una pistola ad acqua

L’autogol del calcio

I giudici di Cremona, quelli del nuovo filone del calcio scommesse, hanno detto che a un certo punto hanno dovuto fermarsi, perchè man mano che l’inchiesta andava avanti emergevano tante di quelle cose da renderla monumentale, non più gestibile.
Insomma, nel calcio, sembra di capire c’è tanto di quel marcio che potrebbe riempire tutte le discariche d’Italia, e quello che verrà fuori da Cremona sarà soltanto una parte, una piccolissima parte del sudiciume esistente, c’è da mettersi le mani nei capelli e noi poveri rimbambiti, che la domenica soffriamo, litighiamo, esultiamo, per quella che crediamo essere la nostra squadra, mentre probabilmente altro non è un’armata di truffatori secondo quello che dice l’inchiesta di Cremona.
Truffatori che se ne infischiano delle nostre emozioni e pensano soltanto a far soldi, quanti di più possibile…per farlo violano tal volta, anzi troppo spesso anche le norme della civiltà sportiva, ora si dirà: “Certo non tutti i calciatori truffano” è vero, verissimo, però c’è un fatto, fino a qualche tempo fa non ce n’era nemmeno uno, adesso ce ne sono tantissimi, bè qualcosa è cambiato allora, che cosa?
Due cose sopratutto, nel calcio circolano ormai troppi soldi, e poi c’è anche un’altro problema, l’inadeguatezza dei controlli, il calcio ormai sforna soltanto cattivi insegnamenti, persino i bambini [i pulcini] chiedono soldi per essere avviati, al calcio, i dilettanti poi non esistono più perchè la prima regola per tutti è diventata quella dello stipendio, se ci sono i soldi si gioca, altrimenti no.
Può essere anche giusto, ma un sistema del genere non può funzionare senza regole, e qui nel mondo del calcio le regole si ci sono ma soltanto per i 90 minuti della partita (queste per altro anche male applicate) per il resto è un Far west, nel quale i calciatori hanno sempre la pistola in pugno e la banca – quella del presidente – rischia sempre di saltare in aria.
Non ci sono controlli adeguati e preventivi, nemmeno sulle scommesse…ovviamente c’è chi se ne approfitta, intanto però l’industria del calcio è sepolta dai debiti, produce soltanto perdite, il marcio insomma non fa altro che accrescere altro marcio, allora se facciamo figuracce ai campionati del mondo, oppure in champions evidentemente una ragione ci sarà.
La ragione è che in Italia il calcio non è più uno sport, ma un’attività che sfiora i confini del crimine.

La pulizia degli italiani

Recentemente è stato fatto un sondaggio a livello nazionale che riguarda la pulizia degli Italiani.
Siamo abbastanza puliti o ci laviamo proprio quando non possiamo farne a meno? Inutile dire che personalmente credo di essere un maniaco della pulizia.
Se per esempio sono per strada se devo buttare qualche carta cerco sempre il contenitore dei rifiuti, qui in giro invece ce ne sono di “sporcaccioni” carte per terra, rifiuti ingombranti gettati vicino ai cassonetti, ci dovrebbe essere molto più rispetto per l’ambiente….insomma gli operatori ecologici hanno il loro da fare, anche se in molti fanno i comodi propri.
Anche voi siete dei maniaci della pulizia come me? Vi lascio con un simpatico servizio di una tv locale a riguardo realizzato nella città vecchia, buona visione 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: