Indebitati

Recentemente alle ultime elezioni Greche c’è stata la vittoria Tsipras questo è un segnale forte, il rifiuto all’arroganza di chi oggi governa l’Europa, incurante di ogni segnale che viene dai cittadini europei.
La Grecia da tempo annaspa, attività commerciali chiuse, disoccupazione alle stelle, popolazione in povertà…
Lo stato Greco ha ricevuto 240 Miliardi di aiuti e un taglio di 50 milioni del debito, in cambio di dolorose riforme.
L’europa dice di rispettare gli accordi presi, magari allungando il tempo per il rimborso del debito, ma sarà disposta la Grecia a pagare un debito che non può pagare perchè non ha i soldi per farlo?
de

Cartacce Europee

Come ben sapete da poco si sono concluse le tanto decantate votazioni per le Europee.
Le votazioni comportano una campagna pubblicitaria da tutti i partiti impegnati nella corsa alla poltrona. La conseguenza è che in ogni città arriva la guerra ai manifesti… ogni spazio è buono per attaccarne uno, così chi lo vede avrà ben impresso il candidato da votare, magari quello più simpatico o quello che pensiamo ci rappresenti meglio. 
Ma cosa accade a votazioni concluse? 😕

cartacce

Qui in giro per Bari – la mia città – ci sono volantini e manifesti ovunque, per terra, sui muri, sui pali della luce, sulle cabine dell’Enel…. insomma tutti se ne infischiano del divieto di affissione!! 😡
Adesso chi pulisce? Personalmente farei ripulire da chi ha imbrattato e se si rifiutano si prendono una bella multa da devolvere a chi non ha da mangiare.

 

Se vi va seguite le mie pagine su Facebook

sc

Scrat – il blog

BL

BariLife

Fiscal Compat, questo sconosciuto.

Fiscal
In questi giorni si sente parlare molto di super stipendi, Manager che guadagnano una marea di soldi alla faccia nostra…. insomma tutti siamo presi da questa vicenda.
Ci sentiamo presi in giro perchè – giustamente – questi personaggi si permetto anche di dire “Me ne vado”, certo se ne vanno con la conseguenza di una congrua buonuscita (mica sono fessi???).
Nel comtempo i media ci bombardano di queste notizie contornate da altre di cui alla fin fine – se ci fermiano un attimo a pensare – ci interessa relativamente.
Dovrebbero parlare invece di un trattato molto importante per le sorti del paese, che si chiama Fiscal Compact.
Quest’ultimo – in grande segreto senza riflettori e proclami- nell’estate del 2012 è stato firmato da diversi politici, che oggi lo criticano.
In poche parole c’è stata una pugnalata alle spalle del popolo Italiano…
Posto un video di Alessandro Di Battista che spiega cosa sia questo famigerato trattato, non fatevi ingannare dal colore politico, guardare il video e poi valutate voi stessi a cosa andiamo incontro.

 

No alla web tax – Salviamo il Web e il Digitale italiano

no20censuraVi invito a leggere attentamente quest’articolo, ne va della nostra libertà

Ecco che ci riprovano, è passato un pò di tempo ma la situazione sembra peggiorata….
Infatti con gli emendamenti alla Legge di Stabilità 1.1702 e 1.1643, (Edoardo Fanucci – PD e Francesco Boccia – PD) già approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, gettano pesanti ombre sul futuro del digitale in Italia.
In poche parole la norma prevede che i giganti del web, da Google ad Amazon passando per Facebook e Ebay, dovranno avere la Partita Iva italiana.
Cosa significa? Che i siti di ventita on line sprovvisti di una Partita iva Italiana o si adeguono o non potranno vendere nulla in Italia. Lo scopo è quello di far pagare anche a tali siti un’ulteriore tassa. In tal modo a chi interesserebbe il mercato Italiano???  Noi saremo tagliati fuori da tutto!
Come se non bastasse, il governo ha varato un decreto che sferza un altro micidiale colpo sui motori di ricerca e sulla stessa libertà di informazione. Tra un pò prima di “linkare, indicizzare, embeddare, aggregare” un contenuto giornalistico sarà necessario chiedere il permesso all’editore. Questa è la fine dei provider di ricerca che indicizzano le ultime notizie per poi rimandarvi eventualmente alla fonte. Il linkare riguarderebbe anche i blog, i quali si ritroveranno a domandarsi se possono ancora inserire collegamenti ipertestuali agli articoli dei giornali, o citarne stralci, senza dover essere costretti a firmare improbabili contratti con Rcs o con il Gruppo Editoriale l’Espresso, quell’”aggregare” evoca scenari esilaranti nei quali potrebbero diventare illegali in un colpo solo tutti i feed reader privi di autorizzazione e trasformare i vostri pc in tante pericolose rotative clandestine.
Infine senza alcun dibattito parlamentare l’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha varato una delibera togliendo il potere giudiziario ai magistrati e conferendolo agli avvocati delle lobby, i quali in presenza (a loro insindacabile giudizio) di “un’opera, o parti di essa, di carattere sonoro, audiovisivo, fotografico, videoludico, editoriale e letterario, inclusi i programmi applicativi e i sistemi operativi per elaboratore, tutelata dalla Legge sul diritto d’autore e diffusa su reti di comunicazione elettronica”, potranno segnalarla all’Agcom che nel giro di pochi giorni potrà ordinare agli internet provider di oscurarla o rimuoverla. In caso contrario il nostro provider rischia una sanzione che può arrivare fino a 250mila euro. Mentre per i blog e siti che violano c’è il rischio dell’oscuramento parziale o totale. Viva la democrazia!

Vi invito a condividere questo post e a firmare la petizione presente al link qui sotto:

http://www.change.org/it/petizioni/governo-parlamento-nowebtax-salvate-il-web-e-il-digitale-italiano#share
Magari riusciamo a fermare questa cosa contro la libertà di ogni singolo cittadino Italiano.

Ripresina??

Sembra che chi ci governa ha sempre la soluzione a ogni problema.
Nonostante la nostra povera italia è allo sbaraglio e la gente manifesta, lì nei palazzi dove prendono le decisioni per il nostro futuro hanno la situazione sotto controllo.
Peccato che non ci sia ancora una legge elettorale in cui chi decida sia il popolo, che l’Imu non sia stato abolito o per lo meno rinviato, e che il finaziamento pubblico dei partiti continui ad esistere… Non c’è bisogno di continuare tanto non servirebbe a molto.
Vabbè visto che siamo a ridosso delle imminenti festività vi lascio con questa vignetta di Italia Oggi, magari Babbo natale riesce a salvarci… :mrgreen:

ripr

Camera, ma quanto ci costi???

Camera dei deputatiDa un pò di giorni sono state rese note le spede della la Camera dei Deputati.
Leggendo sul giornale le varie voci con il rispettivo costo sono rimasto allibito… come si fa a sprecare tutti questi soldi in un paese come questo?? Sembra fantascienza invece – purtroppo – è la triste realtà.
La storia è sempre la stessa, ci sono i poveri e ci sono quelli che hanno troppi privilegi e se ne fregano della vita al di fuori del loro mondo….
Ma che paese è questo???
Vi lascio con un filmato dell’intervento dell’Onorevole Cittadino Riccardo Fraccaro (Movimento 5 stelle).
Buona visione e mi raccomando non dite troppe parolacce, che ne ho dette già abbastanza io :mrgreen:

Caduta libera

Ultimamente forse parlo troppo di politica, cosa che in passato ignoravo proprio.
Ma non posso fare a meno di parlarne perchè  quello che stà accadendo è proprio vergognoso….
Hanno promesso di eliminare i finanziamenti pubblici ai partiti, oggi c’è stata l’approvazione di un decreto legge che abroga questo finanziamento, ma  da pubblico lo stesso è diventato privato e per giunta obbligatorio
Stiamo cadendo nel baratro? Mi sa che ci siamo già….

baratro

Vignetta di Italia Oggi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: