Le zanzare alla riscossa

.

Le zanzare alla riscossa

 Uno degli insetti più fastidiosi per eccellenza è la zanzara, nel periodo invernale grazie alla pioggia e al freddo questi piccoli insetti noiosi e irritanti non ci sono, ma con l’arrivo dell’estate e del caldo ricompaiono minacciosamente. Le zanzare amano la presenza di acqua, le temperature alte e sono portatori di malattie in alcuni casi anche molto gravi.

L’entomologo Asghar Talbalaghi afferma che in Italia esistono 75 specie di zanzare (nel mondo sono 3.000), tra cui la Culex pipiens e la Tigre, che dai tropici si è trasferita nel nostro paese, le zanzare presenti in Italia rispetto a quelle di altri paesi Africani si infettano più facilmente con patogeni che trasmettono malattie come la febbre del Nilo, la dengue, il chikugunya. Se questo è lo scenario, come ci si difende?

Principalmente dobbiamo evitare di creare zona d’acqua stagnante come: sottovasi delle piante e contenitori lasciati su balconi o giardini, poi ci sono vari modi, apparecchi con ultrasuoni che disturbano questi insetti e spray repellenti, di quest’ultimi i più efficaci sono quali a base di Deet (dietilentoluamide) o picaridina (Kbr), comunque questi sistemi non sono del tutto efficaci. 

Ricercatori dell’università della Florida hanno messo a punto uno spray tre volte più efficace di quelli attuali, a base di acilpiperidine (fra gli ingredienti attivi del pepe) ma ci vorrà ancora qualche anno per vederlo in commercio.

Chi morde l’uomo e perché? Solo la zanzara femmina ci morde, questo gli serve per nutrirsi e rendere fertili le uova prima di deporle. Altre loro preferenze alimentari le trovate qui

Diciamoci la verità, questi insetti non sono simpatici a nessuno, ecco perché quando ci si ritrova alle prese con una zanzara tutti si improvvisano cacciatori. Osserviamo con cura mobili, pareti e altre zone della casa – specie quelle più nascoste – dove può celarsi il nostro nemico. Una volta trovata la causa della nostra noia cerchiamo di estirparla ma molte volte con scarsi risultati. Il guaio è che questi insetti, vedono a rallentatore quindi è difficile colpirli, perché – ovviamente – avvertono l’arrivo del pericolo.

 

Voi cosa ne pensate? Siete bersagliati da questi insetti insopportabili?

Io ne farei volentieri a meno…

Buona serata a tutti, e buon proseguimento su queste pagine 

Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook

, ,

         Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Miglior Blog 

Bookmark and Share

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

E’ vietata la pubblicazione dei contenuti di questo blog in altri siti.

Annunci

Piano piano mi sciolgo

 

Piano piano mi sciolgo.

 

 Il titolo di quest’intervento è eloquente, “Piano piano mi sciolgo” ecco quello che mi succede in questo periodo estivo, questo pensiero è ricorrente specie se mi ritrovo in spiaggia sotto il sole a boccheggiare.

 

Molta gente quando fa caldo utilizza o i ventilatori o i famigerati condizionatori. Personalmente io preferisco mettermi all’ombra e utilizzare il meno possibile questi aggeggi che non mi piacciono molto.

 

Quando vado a lavoro e mi trovo in ufficio i condizionatori sono sparati al massimo, se io mi ci metto vicino dopo un po’ mi viene il mal di gola, quindi preferisco abbassarne la potenza.

 

Sul lavoro abbiamo due temperature, in ufficio c’è il freezer, mentre nel capannone un caldo infernale…

 

Noi impiegati purtroppo non possiamo ne fermarci in ufficio ne stare sempre nel capannone, dobbiamo spostarci dal fresco al caldo e viceversa… con le relative conseguenze quali: dolori di schiena, torcicollo e chi più ne ha più ne metta.

 

Per questo motivo non sono un fan di condizionatori e affini.

 

Certo stare al caldo non piace a nessuno, ma se poi mi devo prendere un accidenti preferisco stare a temperatura ambiente e non stare male dopo.

 

In questa settimana mi sono sciolto ben bene, infatti essendo in ferie ho avuto più tempo da dedicare al mare e alla tintarella – anche se il sottoscritto diventa rosso e mai nero – da mostrare al mio ritorno sul posto di lavoro [immaginate che bello ritornare Rosso come un’aragosta!! ]

 

Ho fatto un salto quasi tutte le mattina a Polignano a mare, un posto bello e da vedere che consiglio a tutti.

 

Il lungomare di Polignano è stato intitolato al grande cantante Domenico Modugno e di fronte a un piccolo giardinetto c’è una grande statua che ricorda l’artista pugliese.

 

 
Io e la statua di Mr. Volare 
 
E voi che ne pensate dei condizionatori? Li amate o li odiate??
E di Domenico Modugno? Per me è stato un grande!
Buona settimana a tutti, e occhio ai colpi d’aria…

Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook
, ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: