Se ti commuovi è colpa di un gene

.

Se ti commuovi è colpa di un gene.

 

E’ scritto nel Dna, se si è freddi e distanti dagli altri, oppure inclini a commuoversi e a sentire come propri i problemi altrui, provando empatia per il prossimo. Lo rivela uno studio di Sarina Rodrigues dell’Oregon State University.

A decidere quanta empatia siamo inclini a provare per le condizioni degli altri, e anche come reagiamo a situazioni di stress, è il gene per il recettore dell’ossitocina: l’ormone dell’affetto e della fiducia. Il gene può presentarsi in due versioni, chiamate "A" e "G".

Gli individui portatori di due copie G del gene sono risultati più empatici e più reattivi a situazioni stressanti degli individui AA o AG nel Dna.

Gli esperti hanno verificato, su un campione di 200 studenti, che chi ha la versione G del gene per il recettore è più reattivo allo stress di quelli che hanno il gene A. 

Dietro ogni comportamento umano c’è quindi un motivo genetico che spiega la predisposizione dell’uno o dell’altro a condividere i problemi altrui.

 

Ma secondo voi commuoversi è segno di fragilità?

Personalmente credo che invece sia segno di sensibilità, si piange per aver raggiunto un traguardo insperato, o se si è felici come quando si è innamorati, poi capita anche nel momento in cui si soffre per una perdita di qualcuno.

Credo che piangere dia risalto alla coscienza e ai sentimenti il che ci rende unici nel genere umano.

Buon fine settimana ai pochi lettori di questo blog. 

Ah dimenticavo la fonte di quest’articolo è il giornale gratuito City

Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook

, 

         Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Miglior Blog Bookmark and Share

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

E’ vietata la pubblicazione dei contenuti di questo blog in altri siti.

Annunci

L’inizio di tutto

..

L’inizio di tutto

 

Ragazzi che giorno è oggi?? Ah già è giovedì 19 Novembre 2009. Questa data mi ricorda qualcosa ma faccio fatica a ricordarmi cosa. Già con l’età la mia memoria va e viene 

Vediamo, siamo a Novembre tra un po’ arriva Natale e poi e poi?? Mha proprio non ricordo cosa possa essere successo questo giorno. Vabbè faccio una ricerca e arrivo a wikipedia l’enciclopedia on-line e capito a questa pagina: http://it.wikipedia.org/wiki/19_novembre

tra i vari avvenimenti di questo giorno ci sono:

– Nel 461 Sant’Ilario diventa il 46° Papa della Chiesa Cattolica, nasce l’Università di Varsavia [1816] e nel 1946 Afghanistan, Islanda e Svezia entrano nelle Nazioni Unite.

No no, sono sulla strada sbagliata, questo sarà un giorno da ricordare, ma non penso che sia così importante.

Allora do’ uno sguardo ai commenti del mio blog così magari mi viene in mente qualcosa, a proposito, ma questo blog da quanto tempo è stato fatto, fammi controllare qual è il primo intervento pubblicato, che data ha? 

Caspita 19 Novembre 2005! Ecco cosa non ricordavo…quindi facendo un po’ i conti questo spazio oggi compie ben quatto anni di attività! Certo che ne è passato di tempo.

Ho creato un qualcosa che non avrei mai immaginato di fare, chi l’avrebbe detto che questo blog Wls sarebbe arrivato a ben 4 anni di età??

Allora colgo l’occasione per ringraziare chi si è affacciato in questo mio piccolo spazio in tutto questo tempo, trovando un sorriso o la soluzione qualche problema che per esempio aveva con la webcam (uno degli interventi più cliccati) grazie a tutti quelli che chi più chi meno sono entrati nella mia vita, già perché avere un blog non è scrivere qualcosa di tanto in tanto e poi riscriverne un’altra. Con un blog ci si può scambiare opinioni conoscenze e perché no trovare nuovi amici.

Ah un po’ di giorni fa ho letto su un blog di un mio amico che dal 9 al 22 Novembre inviando un sms al numero 48543 possiamo aiutare i bambini che subiscono violenze donando 2 euro.

Io sono con loro, invito anche voi a fare lo stesso

Buona giornata a tutti

Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook

, , Bambini

         Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Miglior Blog Bookmark and Share

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

E’ vietata la pubblicazione dei contenuti di questo blog in altri siti.

Dal vino che bevi si capisce chi sei

.

Dal vino che bevi si capisce chi sei.

 

La scelta del vino potrebbe rivelare aspetti della personalità che preferireste tenere nascosti, questo è il risultato di un recente studio Australiano condotto alla Charles Sturt University.

Ma qual’era l’obbiettivo dei ricercatori? Esplorare una nuova area di ricerca per capire in che modo i tratti della personalità sono in grado di condizionare le preferenze e i gusti. 

45 uomini e donne maturi [tra i 40 e i 45 anni], sono stati invitati a compilare un questionario e a scegliere tra un vino spagnolo secco e uno dolce.

Ebbene, chi ama i vini bianchi dolci, è risultato impulsivo, con la tendenza all’introversione e scarsa propensione alla sperimentazione. Di segno opposto chi invece preferisce i bianchi secchi. Questione di carattere appunto.

Lo studio pubblicato sulla rivista "Food Quality and preference" getta nuova luce sull’obesità. Infatti, le persone che mostrano una forte preferenza per i dolci, saranno anche quelle che mostrano maggiore impulsività e rappresenteranno un gruppo più a rischio.

La scelta del dolce attiverebbe inoltre i neurotrasmettitori legati alle dipendenze, mettendo in moto meccanismi di ricompensa simili a quelli di chi si droga.

Conclusioni: Adesso va bene il detto degli antichi Romani: "In vino veritas".

 

  http://www.fileden.com/files/2007/1/14/639843/vn.swf

 

E voi che vino preferite?

A me piace sia dolce che secco, ma non ne bevo a quantità industriali, anche perché se lo facessi sarei un alcolizzato

Buona giornata ai pochi lettori di questo blog.

Ah dimenticavo la fonte di quest’articolo è il giornale gratuito City

Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook

, 

         Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Miglior Blog Bookmark and Share

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

E’ vietata la pubblicazione dei contenuti di questo blog in altri siti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: