26 Ottobre

Bene ecco un nuovo post chissà se qualcuno si è ricordato di questa data. Bho

 

26 Ottobre

Ecco come ogni anno accade… arriva un giorno diverso [così dicono], una data da ricordare, già ricordarsi che è passato un’altro anno e ci si ritrova con qualche acciacco in più e qualche capello in meno.  

Ma che giorno è oggi? Oddio non mi ricordo, anzi si è il 26 Ottobre, cavoli ma non c’è un modo per ritornare indietro di qualche anno? Su su buon Dio fammi uno sconto

Vabbè dai non fa nulla oggi sono , ecco sto iniziando a dare i numeri [ma li do ogni giorno…ho iniziato da tempo!!] 

Mi domando: "Ma che cavolo dopo i 18 anni il tempo vola"

Sembra ieri di aver varcato la fatidica soglia della maggiore età…

Per me questo giorno è un giorno normale, non c’è nulla di particolarmente diverso ne da ieri ne da domani.

E’ solo un aumento di numeri, che si nota anche dalla quantità di candeline presenti sulla torta, poi un giorno qualcuno ha pensato bene di fare le candeline a forma di numeri…certo non bastava più la torta!! 

E poi qualcuno riesce a spegnere tutte le candeline con un soffio? Caspita e che ha al posto dei polmoni??

Comunque non mi sento affatto la mia età, questo è un bene, la vita continua e gli anni scorreranno lo stesso.

Se qualcuno conosce il modo di rallentare il tempo mi faccia un fischio

Spero di non diventare così:

 

Buona giornata a tutti, e grazie per i vostri auguri e pensieri

Emilio

,

        Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Bookmark and Share

Stai leggendo questo blog da

  

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Creative Commons License

Tutti i contenuti di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons

è vietata la pubblicazione non autorizzata in altri siti.

 

Annunci

Il cammino del giubileo – La città di San Pierre

 

Rieccomi tra di voi!! Vi sono mancato in questa settimana?? Ecco [a tempo di record] il resoconto del mio terzo pellegrinaggio a Lourdes, non voglio esser ripetitivo, ma questo è il mio blog o no? Mi dovete sopportare

Il cammino del giubileo

Come già detto in un intervento precedente quest’anno è stato un anno speciale per la ricorrenza dei 150 dalle apparizioni di Lourdes [1858 – 2008] questo è il terzo anno Giubilare dopo quelli del 1908 e del 1958. 

Tale evento viene celebrato percorrendo le tappe che ricordano la vita di Bernadette Soubirous, a ogni pellegrino viene consegnato un cartoncino tondo nel quale è stampata una croce centrale con ai lati quattro figure.


Ogni volta che si reca in uno dei quattro luoghi, riceve un adesivo da applicare sopra a ogni figura.

Il cammino giubilare è composto da quattro tappe: 

1 – La chiesa parrocchiale attuale [la vecchia fu distrutta in un incendio], dov’è presente la fonte battesimale dove venne battezzata Bernardette il 9 Gennaio 1844

2 – Il Cachot, una vecchia prigione abbandonata dove vivevano i Soubirous [Padre, madre e quattro bambini in un’unica stanza]

3 – La cappella dell’ospizio, nella quale Bernadette ha fatto la prima comunione il 3 Giugno 1858.

4 – La Grotta delle apparizioni, alla quale si giunge attraverso la porta di S.Michele e le Arcate.

 Infine il cartoncino citato precedentemente apparirà così

In senso orario – Battesimo – Comunione – Immacolata – Bernadette

In questi giorni ho camminato molto, infatti sono abbastanza stanco, ma è servito al cuore e allo spirito. Molti che conosco dovrebbero fare un pellegrinaggio del genere, ma ovviamente non tutti ci "credono".

 

 

 

La città di San Pierre

Bernadette si domandava: "Perché i poveri non possono visitare la grotta?". Al tempo delle apparizioni dove adesso c’è l’immacolata [di fronte alla chiesa del Rosario] venne innalzata una costruzione in paglia per accogliere appunto i poveri che non avevano risorse economiche.

Dopo pochi anni questa costruzione fu distrutta da un incendio e l’allora sindaco di Lourdes non diede l’autorizzazione a ricostruirlo, agli occhi del mondo non era bello far vedere gente in quello stato aggirarsi nei dintorni del santuario.

Nel 1955 il Mons. Théas, allora vescovo di Tarbes e Lourdes chiese a Monsignor Rodhain segretario generale del S. Cattolico, di creare uno spazio d’accoglienza, di ristoro fisico e morale, dove si potesse 
esprimere la carità verso persone che vivono in gravi difficoltà.

Ecco la Città di S. Pierre che può ospitare circa 500 persone di cui 120 volontari da tutto il mondo.

Nella città di S. Pierre c’è una piccola cappella che è la copia dell’ovile di Bartres, dove Bernadette ricoverava le sue pecore. 

All’interno della cappella c’è un altare e una bilancia detta "La bilancia della carità"

In un piatto c’è il santissimo (rappresenta il piatto delle cose spirituali) nell’altro piatto ci sono le cose materiali necessarie per vivere. C’è il mappamondo, un po’ di riso, due spighe di grano, è simbolico. E’ un invito alla carità.

In pratica dice: non appesantite il piatto delle cose materiali che non vi servono. Dobbiamo restare in equilibrio tra la nostra parte spirituale e quella materiale.

Come fare se il piatto va giù? Basta che diamo via qualche cosa, dare in carità quello che non ci serve, e allora il piatto torna in equilibrio.

E come fare per non esagerare dando via tutto?
Dobbiamo seguire il vangelo di S. Matteo posizionato al centro tra i due piatti [che tiene in equilibrio tutto] aperto al cap. 25, che ci dice:

"io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato… ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi fratelli lo avete fatto a me… ero io"

J. Rodhain diceva: Non usate la bilancia quando fate la carità, quello che date non pesatelo. La persona a cui donate non giudicatela. Non dovete usare la bilancia per questo.
Piuttosto la bilancia la userà Dio, quando morirete, metterà da una parte il bene la carità e l’amore che avete donato nel corso della vita, e nell’altro piatto la vostra ricompensa.

 

Bene penso di aver detto abbastanza

Buona giornata


Se siete qui x la prima volta firmate il Guestbook

, , ,

         Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Add to Technorati Favorites    PageRankTop.com   

Iscritto su CercaBlog.com   Number of online users in last 3 minutesweb design company

Bookmark and Share

Stai leggendo questo blog da

  

 

 

Interventi presenti in questo blog che parlano di Lourdes 

11 Febbraio a Lourdes e in tutto il mondo (Febbraio 06)

Tenete accese le vostre lampade (2006)

In partenza (2007)

Un mistero lungo 150 anni (Febbraio 08)

 

 

Vi ricordo che il diritto d’autore è tutelato dalla legge, quindi giù le mani da immagini, interventi e quant’altro!!!

Senza l’autorizzazione dell’autore del blog non potete prelevare nulla, pena la denuncia ai gestori di msn….

Creative Commons License

Tutti i contenuti di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons

è vietata la pubblicazione non autorizzata in altri siti.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: