Prima e Dopo

Ogni tanto mi capita di pensare alla mia giovinezza, ai giochi che facevo da piccolo. 
Ogni epoca ha le sue mode e ideali,  però credo che prima i giochi erano semplici, ci si divertiva con poco e si imparava a socializzare.
ieri
Adesso invece come si gioca? Quali sono le cose che i ragazzi d’oggi potranno insegnare ai propri figli, alle nuove generazioni?
Forse giocare con il telefonino o chattare per socializzare?
Sempre se ci saranno ancora i telefoni o saranno rimpiazzati da qualcos’altro. Boh

oggi

16 Responses to Prima e Dopo

  1. noi ci divertivamo con poco… crescevamo meno viziati e molto più educati. A volte ho la sensazione che “la modernità” e la tecnologia di oggi non dovrebbe arrivare a i ragazzi prima di una certa età. Sono troppo antica? :/
    eheheh
    buon fine settimana Emilio 🙂

    • Emilio says:

      Ma lo sai che questa sensazione che hai tu molte volte l’avverto anch’io?
      Se tu sei antica io sono da collezione 😀
      Buon week end Giusy, smack!

  2. in fondo al cuore says:

    già…..non è per niente consolante….. Buon fine settimana Emilio!

  3. liù says:

    Troppe cose sono cambiate ,in peggio!
    Buon fine settimana Emilio

  4. Ormai è così..
    Da ieri, sei la terza persona che fa un post del genere…
    malinconici?
    Baci

  5. Deborath says:

    Hai proprio ragione, Emilio: ricordo anche io i pomeriggi a non stare mai ferma, a giocare prima a nascondino, poi a campana, poi a pallavolo, etc…
    Che meraviglia!!! E che nostalgia… 😦

  6. Rita says:

    Non abito in una città e mi capita ancora di vedere ragazzi che in un angolo della strada giocano a pallone ogni pomeriggio …. sono gli stessi che poi di sera siedono su un gradino a chiacchierare, a ridere e scherzare. Sembra che il tempo non sia mai passato da quelle parti, E’ lo stesso modo di fare di tanti anni fa. Probabilmente se lasciassimo un po’ più di libertà ai nostri ragazzi cercherebbero altre forme di aggregazione, magari diverse da quelle virtuali. E’ un’ipotesi, forse un sogno…. ma è proprio vero, Emilio, non è più come una volta. Ciao.

    • Emilio says:

      Nei paesi credo che sia ancora così come tantissimi anni fa, nelle grandi città invece non è più come era prima….
      L’aggregazione dovrebbe essere meno virtuale, ma come si dice: i tempi cambiano…
      Ciao Rita, buona domenica 🙂

  7. Donatella says:

    Anch’io ricordo quei giochi con piacere… aiutavano a conoscersi, a stringere legami… spero che i ragazzi di oggi possano rivalutarli come si deve, al posto di tutto questo “virtuale” che allontana dalla realtà. Buon weekend carissimo Emilio! ♥

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: