Le piaghe del risorto

Quest’intervento è pubblicato prima di Pasqua per permettere a chi lo vorrà di scrivere i suoi auguri nel post giusto.

La notizia della resurrezione di Gesù suscitò nel Cenacolo e nel Sinedrio un clima febbricitante. Il tema era lo stesso, le testimonianze, però, del tutto differenti, e ancor più i destinatari dei racconti. Il dogma della resurrezione sarebbe stato fondamentale per la religione ed era indispensabile la testimonianza, con una solida e fondata dichiarazione, di coloro che avevano visto Gesù vivo, nei giorni successivi alla sua morte.
Ancor oggi a distanza di 2000 anni c’è gente che insinua che la resurrezione sia solo frutto di un inganno architettato dai discepoli che avrebbero rubato, occultato il corpo e in seguito diffuso la notizia della resurrezione.
Ma Gesù Cristo è davvero risorto! Anche S. Tommaso che non credeva credette dopo aver visto le sue ferite.

Dipinto del Caravaggio

Non mi resta che augurare buona Pasqua a tutti, che sia un modo per rinascere a nuova vita come ha fatto Gesù tre giorni dopo la morte.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: